Sardegna
I piatti tipici da gustare

Tempo di Viaggi Travel Agency & Tour Operator

È sempre molto difficile provare a sintetizzare la grande ricchezza gastronomica della Sardegna che, per la sua naturale conformazione geografica e per le sue caratteristiche storiche, racchiude da sempre diverse anime gastronomiche, tanto è vero che ogni zona dell’isola ha una sua cucina che si basa su prodotti tipici e tradizioni contadine e pastorali.
Con questo articolo cercheremo di analizzare nel dettaglio alcuni dei piatti più importanti della tradizione culinaria Sarda.

riccio

Ricci di mare:


Abbiamo deciso di partire da una vera istituzione nel territorio del cagliaritano, pescati e consumati giornalmente da ottobre ad aprile, il riccio di mare, viene di regola mangiato quasi sempre in purezza, infatti è così che si può assaporare tutta la sua bontà.
Durante il periodo di pesca al riccio di mare, prima del fermo biologico, è un susseguirsi di bancarelle e banchi del pesce, dove il principe indiscusso è proprio lui sua maestà il riccio di mare.
Il piatto tipico di queste zone è sicuramente lo spaghetto al sugo di ricci di mare, una vera prelibatezza facile da preparare e non difficile da trovare nei numerosi ristoranti della costa dell’isola.


ricci di mare

Burrida:


Ci troviamo sempre nei pressi di Cagliari, che propone questo piatto di mare dalle caratteristiche agrodolci, a base di gattuccio, un piccolissimo squalo, che è cotto e condito con olio, aceto, aglio, noci e spezie.
Un pesce tenerissimo accompagnato da una salsa che è una vera particolarità.



cagliari

Suppa cuata:


Piatto tradizionale della Gallura, zona nordorientale dell’isola, la Suppa cuata, è una preparazione a base di pane raffermo, formaggio vaccino fresco e brodo di carni miste ad erbe aromatiche. Simile ad una lasagna ma dai sapori che ricordano la bellissima isola del mediterraneo.

Panadas:


Preparazione questa tipicamente legata alla tradizione di due paesi sardi, Assemini e Oschiri.
Con la semola di grano duro, olio, acqua e sale, si forma il guscio di pasta che andrà ad essere riempito con un ripieno a base di carne agnello o manzo, patate, carciofi, pomodori secchi e olio.
Piatto semplice ma dal gusto che ci ricorda l’altra anima della Sardegna, quella legata al mondo della pastorizia.


Pardulas:


Dolci diffusi in tutta l’isola, formati da una sottile sfoglia a basa di strutto, semola e acqua usata per foderare un ripieno di ricotta o formaggio fresco, lavorato con uova e zucchero, scorza di agrumi e zafferano.
Una delle ricette di dolci più diffuse in tutto il territorio sardo.


mare

Conclusione:


L’unico modo per rendersi veramente conto, della grande ricchezza gastronomica della Sardegna è riuscire ad organizzarsi per andare direttamente sul posto e toccare con mano, la enorme varietà di piatti diversi esistenti sull’isola.

AVVENTURA DA SOGNO IN SARDEGNA!



TRADIZIONI SARDE:

bandiera

FASCINO E STORIA!