Tradizioni e Folklore
di Taiwan

Tempo di Viaggi Travel Agency & Tour Operator

La nazione insulare di Taiwan custodisce dentro di se aspetti sia della cultura tradizionale cinese che aspetti della cultura tradizionale giapponese, mischiati a loro volta con aspetti della cultura occidentale.
Già da qui possiamo avere un quadro generale sulla ricchezza delle tradizioni che sono intrinseche del paese e che nascono dall’unione di retaggi culturali di natura diversa l’uno dall’altro.

Storia culturale di Taiwan:


L’eredità culturale ti Taiwan è stata modellata dalla colonizzazione e dall’imperialismo. Nel 1895 l’impero Qing cedette Taiwan al Giappone.
L’élite di Taiwan ha imparato la lingua e la cultura giapponese, salvo poi essere riallineata dal partito comunista cinese passando dall’Imperialismo giapponese al Nazionalismo cinese.


La gastronomia:



cibo

La varietà gastronomica di Taiwan è attribuibile senza dubbio alla sua ricchezza culturale.
Gli alimenti più ampiamente consumati nella nazione sono sicuramente riso e soia, con le relative salse tra cui la salsa di soia, l’olio di sesamo e il vino di riso. Il pesce, così come la carne di maiale, svolge un ruolo fondamentale nella cucina taiwanese.
La carne di bovino non viene particolarmente utilizzata nella preparazione di piatti poiché i buddisti del paese non la mangiano, rendendola così impopolare.


pesci

Religione e credenza:



budda

Il culto ancestrale è la credenza più diffusa a Taiwan appoggiato da una miscela tra Taoismo e Buddismo. Altre fedi presenti nel paese il cristianesimo, l’islam, e il mormonismo.

Il pellegrinaggio di Mazu:



festa

L’evento religioso più spettacolare al mondo, migliaia di pellegrini e spettatori in processione dietro la statua di Mazu dea del mare, i festeggiamenti durano per una settimana intera, nei quali la statua viene portata in giro da Taichung fino a Chiyai.

In onore della dea si moltiplicano per le strade le performance che hanno come protagonisti le danze dei leoni, dragoni cinesi, bande e suonatori.

Tempio di Nantian:


Se si vuole avere un assaggio dell’antica cultura Taiwanese, un misto appunto tra credenze e religione, non si può non visitare il famoso tempio di Nantian, dove gli abitanti soprattutto delle zone rurali, portavano i loro figli per indurli all’obbedienza.
Il tempio dentro di sé racchiude una galleria, che nelle leggende cinesi raffigurerebbe l’oltretomba.


Museo ju Ming:


Il prestigioso scultore formatosi in un tempio, sorprese il mondo dell’arte nel 1976 con le sue dinamiche sculture in legno che rappresentavano l’identità taiwanese.
Il museo si trova a Jinshana, circa 38 km da Taipei.


SCOPRI TAIWAN:

taipei

COSA VEDERE A TAIWAN